Seleziona una pagina

Istruzioni su come montare correttamente un core assy.

PREMESSA

Questo COREASSY (gruppo interno del turbocompressore) è stato prodotto e collaudato secondo gli schemi della norma UNI EN ISO 9001: 2008 e risulta essere perfettamente intercambiabile all’originale. La fase di equilibratura, eseguita con olio a temperatura d’esercizio, simula perfettamente le condizioni del COREASSY in opera sul motore. Prima di iniziare leggere attentamente l'avviso qui sotto. Se sai già cosa fare oppure hai bisogno semplicemente di acquistare il core assy come pezzo originale o compatibile puoi farlo direttamente dal nostro negozio inserendo la marca e il modello della tua auto. Oppure inserendo il codice OEM del core assy che devi cambiare. Il CODICE ORIGINALE è riferito alla TURBINA COMPLETA, alcune autovetture montano diverse TURBINE diversi COREASSY, quindi è TASSATIVO avere il CODICE TURBO per non sbagliare l'ordine del COREASSY. Per aiutarti ad individuare il codice corretto del turbocompressore ti rimando a questo articolo che parla di "come trovare il codice della turbina".

ATTENZIONE!

  • Prima di montare il COREASSY nuovo, occorre aver individuato ed eliminato le cause di rottura del turbocompressore precedente!
  • La mancata osservanza delle istruzioni può causare la rottura del Turbo e quindi l’annullamento della garanzia.

A. CONTROLLI PRIMA DEL MONTAGGIO DEL TURBOCOMPRESSORE

È indispensabile effettuare le seguenti ispezioni degli apparati motore interessati e verifiche delle relative condizioni e pulizia:
  • Apparato di aspirazione: filtro aria, condotto, misuratore massa aria, collettore di aspirazione, ecc.
  • Apparato di mandata al motore: condotto di mandata, intercooler, ricircolo EGR, ecc.
  • Apparato di scarico: collettore di scarico, catalizzatore, silenziatore, tubazioni, ecc.
  • Quantità e pressione olio entrata del turbocompressore: pressione minima: 200kPa (2 bar); evitare ostruzioni e guarnizioni liquide in entrata e in uscita olio dal turbo.
  • Tubo scarico olio e sfiato motore: cambiare e pulire il filtro di sfiato per evitare l’aumento della contropressione. È consigliabile ripeterlo spesso durante la manutenzione periodica del motore.

B. MONTAGGIO DEL COREASSY

In presenza di un meccanismo di geometria variabile VNT (Variable-Nozzle Turbine) effettuare le operazioni seguenti prima di passare al punto C (montaggio del turbocompressore):
  • Verificare, l’integrità strutturale e dimensionale delle palette mobili. In presenza di rotture, crepe o deformazioni è indispensabile la sostituzione del VNT.
  • Pulire accuratamente tutto il meccanismo di geometria variabile e rimontarlo assicurandosi che il meccanismo VNT possa effettuare un perfetto scorrimento.
  • Eseguire la taratura del meccanismo VNT e poi il controllo dell’ attuatore pneumatico, come segue:
TARATURA DELLA GEOMETRIA VARIABILE Ci sono due metodi di regolazione del meccanismo VNT: identificare quello applicabile e seguirne la procedura.

MODO DI REGOLAZIONE MECCANISMO VNT TIPO “A”

1) Inserire il corpo vecchio nel carter di scarico ben pulito, con la geometria variabile montata correttamente. 2) Mandare contro il grano di registro la levetta di comando VNT presente sul corpo. 3) Sollevare verticalmente il corpo centrale vecchio, prestando massima attenzione a non far muovere il meccanismo VNT, e rilevare la distanza tra una paletta mobile e l’altra. (ad es.: 1,5 mm). 4) Inserire il COREASSY nuovo nella sede del carter e riportare la stessa misura rilevata in precedenza tra le palette, ripetendo all’inverso i passi precedenti, e avvitando l’apposito grano di registro presente sul COREASSY nuovo.

MODO DI REGOLAZIONE MECCANISMO VNT TIPO “B”

1) Inserire il corpo vecchio nel carter di scarico pulito, con la geometria variabile montata correttamente, e fissarlo tramite le viti di tenuta. 2) Posizionare un orologio comparatore centesimale sul perno (dove successivamente va agganciata l’asta dell’attuatore pneumatico) della levetta mobile di comando presente sul corpo, parallelo al grano di registro; precaricare di circa 5 mm l’orologio, e successivamente azzerare lo stesso. 3) Svitare il dado di serraggio da 8 mm del grano di registro, prestando la massima attenzione a non far muovere l’orologio, e svitare completamente il grano stesso. 4) Rilevare lo spostamento avvenuto tramite lettura dell’orologio comparatore centesimale (ad es.: la lancetta si è mossa di 1,65 mm) 5) Inserire il COREASSY nuovo nel carter di scarico e assicurarsi che svitando il grano di registro le palette vadano in chiusura completa a “ZERO” l’una contro l’altra, o contro i rulli, a seconda del tipo di geometria variabile applicata: 11 pale / 9 pale. 6) Verificato il tutto, serrare il COREASSY nuovo in sede nel carter di scarico, svitare il grano di registro, mandare la levetta di comando a fine corsa verso il grano di registro. 7) Riposizionare l’orologio comparatore centesimale e, avvitando il grano di registro, riportare la stessa misura rilevata in precedenza tramite lettura dell’orologio.

CONTROLLO DELL’ATTUATORE PNEUMATICO

  • Dopo la taratura della geometria variabile, verificare l’attuatore pneumatico.
  • Posizionare e serrare il carter di aspirazione, ben pulito ed esente da ogni riporto di materiale derivante da sfregamenti avvenuti in precedenza.
  • Assicurarsi che l’albero della turbina e il girante di compressione ruotino liberamente senza sfregamenti o impedimenti.

ATTENZIONE!

La mancata osservanza dei requisiti della procedura sopra descritta comporterà l’inevitabile malfunzionamento/rottura del turbocompressore.

C. MONTAGGIO DEL TURBOCOMPRESSORE

ATTENZIONE!

Il montaggio del turbocompressore deve essere eseguito assolutamente a regola d'arte da meccanici professionisti!
  • Pulire i condotti di aspirazione e il collettore di scarico in quanto corpi estranei, anche piccoli, danneggiano il turbocompressore.
  • È sempre molto raccomandabile la sostituzione del tubo di entrata. Quanto al tubo di uscita, occorre verificare l’assenza di ostruzioni e pieghe.
  • Prima di montare il turbocompressore, verificare che l’olio arrivi al turbo. Ciò si può controllare facendo girare un istante il motore senza completare l’avviamento, tenendo il tubo di mandata olio staccato, affinché l’olio sporco residuo e le piccole scorie vadano in una adatta bacinella, e non nel turbo.
  • Montare il turbocompressore e riempirlo tutto con olio motore nuovo, pulito.
  • Avviare il motore e farlo girare al minimo per 5 minuti, verificando che non vi siano perdite ed evitando brusche accelerate a motore freddo.
  • Non spegnere mai immediatamente dopo un’accelerata, perché la pompa dell’olio si ferma subito mentre l’albero rotante del turbocompressore continua a girare per un po’ e, girando senz’olio, il turbo si guasta.
Con il montaggio di un COREASSY di ricambio, invece dell’unità turbo completa, oltre al risparmio economico, anche l’impatto ambientale con recupero delle materie prime risulta ridotto.

Pin It on Pinterest

Share This