Seleziona una pagina
I pressostati sono dei dispositivi elettromeccanici di sicurezza. Sono essenzialmente degli interruttori azionati da una pressione che agisce su un soffietto o su un diaframma, quindi fanno parte dei sistemi di protezione dell'impianto a/c; sensibili a variazioni di pressione. Sono montati tra il condensatore e la valvola di espansione, e come anticipato hanno la caratteristica di proteggere i componenti da danneggiamenti derivanti da una scarsa quantità di refrigerante nel circuito o da un’eccessiva pressione. Il pressostato in un impianto di aria condizionata svolge le seguenti funzioni: - proteggere gli altri componenti del sistema da eventuali valori anomali di pressione; - regolare la pressione di condensazione. Proprio per questi scopi sono collegati direttamente alla centralina motore, oppure alla centralina di gestione dedicata se si tratta di un impianto di climatizzazione automatico. Si classificano in base alla tipologia e al numero di regolazioni che possono effettuare: - pressostato di massima - pressostato di minima - pressostato binary - pressostato trinary - pressostato quadrinary - pressostato lineare Pressostato di massima posizionato lato ALTA PRESSIONE, è elettricamente collegato alla frizione elettromagnetica del compressore interrompendo il funzionamento del compressore quando la pressione supera i 2,5 MPa (25 bar) per poi riattaccarla quando ritorna ai 2 MPa (20 bar). Pressostato di minima anch’esso posizionato lato ALTA PRESSIONE, è elettricamente collegato alla frizione elettromagnetica del compressore interrompendo il funzionamento del compressore, I valori di taratura: stacca a 0,22 MPa (2,22 bar) e riattacca a 0,25 MPa (2, 5 bar) la frizione elettromagnetica del compressore. Pressostato binary (due funzioni) in un unico componente riunisce le funzioni del pressostato di minima e massima. www.kriosac.it 13_4_ti Pressostato trinary (tre funzioni) è dotato di quattro terminali elettrici, due dei quali consentono di alimentare la bobina della frizione elettromagnetica (funzione binary), mentre gli altri due, tramite un relais, consentono il comando dell'elettroventola del condensatore. Il trinary svolge tre funzioni: pressostato di massima e di minima, analoghe a quelle precedentemente esaminate, mentre la terza funzione consente l’inserimento dell'elettroventola del condensatore quando si supera un determinato livello di pressione di condensazione 1,5 MPa (15 bar) disinserendola quando scende a 1,2 MPa (12 bar). Pressostato quadrinary (quattro funzioni) ha le stesse funzioni del trinary ma comanda la ventola con due velocità Pressostato lineare controlla il corretto funzionamento dell''impianto sostituendo il compito del pressostato quadrinary. Il sensore, controlla analizzando in modo continuo ed uniforme la pressione del circuito dell'impianto di climatizzazione fornendo in tempo reale alla centralina motore le variazioni di pressione rendendo più flessibile la gestione delle soglie di attivazione. Ad ogni variazione di pressione corrisponde un segnale di tensione utilizzato dalla centralina motore per attivare le velocità dell'elettroventola e per disinserire il compressore se la pressione sale o scende oltre i limiti consentiti (funzione di sicurezza). Il range di utilizzo del sensore lineare varia da 3,018 bar fino a 29,508 bar (valori di intervento della GRANDE PUNTO 1.2 8v). I valori sopra descritti variano a secondo del tipo di pressostato (sono valori indicativi)

Pin It on Pinterest

Share This