Seleziona una pagina

Il sensore di coppia è un dispositivo fondamentale di un sistema più complesso che è in grado di alleviare la forza applicata dal conducente di un veicolo intento a sterzare, grazie all’ausilio di un motorino elettrico. La resistenza che si oppone alla rotazione del volante è rilevata da un sensore di coppia e di posizione; il dato ottenuto è in seguito analizzato da una centralina apposita che determina l’entità del contributo che il motore elettrico dovrà fornire al guidatore per assisterlo in modo adeguato.

Come funziona un sistema EPS

Il sistema elettronico EPS, dall’inglese Electric Power Steering, è un apparato che genera coppia di sterzo attraverso l’ausilio di un motorino elettrico e di riduttori installati direttamente sull’albero dello sterzo. La direzione e la quantità dell’assistenza elettrica fornita dall’EPS è determinata dalla centralina (ECU) che elabora i dati in base alla velocità del veicolo e ai dati rilevati dal sensore di coppia di sterzo. Di conseguenza l’apporto del motorino elettrico e in generale l’aiuto del sistema sarà esiguo alle basse velocità e moderato a quelle più elevate, questo permette al conducente di sterzare senza difficoltà durante la guida a bassa velocità e di evitare uno sterzo eccessivamente sensibile e leggero durante le velocità più elevate.
La centralina del servosterzo calcola la giusta assistenza da apportare allo sterzo grazie ai segnali provenienti dal sensore di coppia e dai sensori di velocità.

Sensori di coppia

Sensori di coppia con cavo giallo, blu, grigio, arancione e verde.

Sensore di coppia

Il sensore di coppia è un componente elettrico posizionato all’interno della scatola dello sterzo elettrica; la sua funzione è quella di rilevare la forza che il conducente applica e trasmette al piantone dello sterzo, di trasformarla in un segnale elettrico e trasmetterlo alla scatola dello sterzo che, di conseguenza impartirà la giusta coppia allo sterzo per assistere il conducente. Il sensore di coppia è in sostanza racchiuso in un semplice involucro di plastica a forma di disco, solitamente collocato sotto il piantone, nelle vicinanze del devioluci: contiene una serie di piste sulle quali possono lavorare dei contatti striscianti o, nei casi di auto di fascia superiore un lettore ottico. Il sensore di coppia registra la velocità e la lunghezza che il piantone compie sotto l’azione delle mani del conducente che ruotano il volante, e le trasmette alla centralina che elabora l’informazione e decide quanta corrente elettrica inviare al motorino elettrico.

Sensori di coppia

I sensori di coppia blu e giallo.

Il sensore di coppia in caso di emergenza è in grado di interagire anche con i sistemi ABS ed ESP e rilevare il movimento dello sterzo attuato dal conducente, aumentando di conseguenza la sicurezza su strada del veicolo.
In alcuni veicoli dotati di particolari allestimenti e di sistema Start & Stop, il sensore di coppia rileva se l’auto ha le ruote diritte, magari perché è  ferma  al semaforo , in questo caso al motore è consentito di spegnersi. Se invece le ruote del veicolo sono sterzate, perché l'auto deve dare la precedenza o svoltare dopo il semaforo,  il sensore di coppia rileva la posizione sterzata del volante e inibisce il funzionamento del sistema Start & Stop impedendogli di spegnere il motore.

Pin It on Pinterest

Share This